Come cambierà il mondo se le api scompaiono?

mondo senza api
Quando morirà l'ultima ape, all'umanità resteranno solo 4 anni di vita
- Albert Einstein

Ogni anno la popolazione di api mellifere diminuisce e la minaccia della loro completa estinzione diventa reale. Come sarà il nostro mondo senza il principale impollinatore?

Un uomo può vivere senza ossigeno per tre minuti, senza acqua per tre giorni e senza api per quattro anni. Almeno questo è quello che pensava Einstein. La citazione dello studioso apparve nel 1941 sul Canadian Bee Journal. Ne consegue che la morte delle api per l’umanità non sarà migliore di una catastrofe globale: un’eruzione vulcanica, una caduta di meteoriti o un’esplosione del Large Hadron Collider. Il risultato sarà sempre lo stesso.

QUAL È IL PROBLEMA?

Il declino delle popolazioni di api è iniziato a metà del XX secolo, ma ha raggiunto il picco negli ultimi vent’anni. Non c’è una sola ragione, ma il principale colpevole è stato trovato: è un umano. L’agricoltura è quasi universalmente passata alla chimica: fertilizzanti azotati, pesticidi, ecc. Non uccidono gli insetti, ma, secondo gli scienziati, abbassano la loro immunità e i virus non dormono.

Il professor Peter Neumann parla della piaga delle api – la varroatosi, una malattia portata da un acaro microscopico: “È pericoloso perché risucchia tutti i succhi vitali dall’ape. Questa è la malattia delle api più comune, è difficile sbarazzarsi di questi acari e il trattamento degli insetti indeboliti richiede molto tempo e raramente porta ai risultati desiderati “.

Allo stesso tempo, spesso gli apicoltori non si preoccupano veramente della salute dei membri degli alveari e continuano la loro attività a un ritmo normale e trasportano anche colonie di api per grandi distanze. Ad esempio, negli Stati Uniti, gli alveari possono essere trasportati dalla Florida alla California per impollinare i raccolti.

Questi lunghi viaggi mettono sotto stress enorme le colonie di api. E questo porta alla “sindrome della distruzione delle colonie“. Questo fenomeno è stato descritto dagli apicoltori americani nel 2006.

Nel corso di una tale “malattia”, gli insetti lasciano le loro colonie e non vi ritornano mai più. Le api non possono vivere separatamente fuori dagli alveari e presto muoiono. Lo strano comportamento è causato da sostanze chimiche e segnali radio, che, secondo gli scienziati, fanno impazzire i lavoratori alati.

miele
Nido di api selvatiche

COSA SUCCEDE SE...?

Tuttavia, cosa succede se le api muoiono o la loro popolazione scende a un livello critico? La previsione di Einstein – “niente api – niente impollinazione – niente cibo – niente uomo” – si avvererà?

È necessario ricordare che ci sono altri impollinatori naturali nel mondo: le mosche, le farfalle, gli uccelli, i pipistrelli, il vento. Inoltre, non tutte le piante sono impollinate dalle api. In passato, la flora del Nord America e dell’Irlanda viveva bene anche senza di loro. Sono stati gli uomini a portare le api lì.

Ma dal momento delle grandi scoperte geografiche, nel mondo sono avvenuti notevoli cambiamenti. La popolazione è cresciuta e anche il bisogno di cibo è cresciuto.

Oggi la perdita delle api, a cui dobbiamo 1/3 del raccolto totale, non può avvenire senza conseguenze. Il Times e il Business Insider citano la seguente catena, riferendosi al parere di esperti: maggiore è la mortalità tra gli insetti, più rapida sarà l’apicoltura non redditizia. Le persone inizieranno a rinunciare al loro mestiere e le statistiche già spaventose non faranno che peggiorare.

Poiché la maggior parte del raccolto dipende dalle api, l’umanità dovrà “stringere la cinghia”: le bancarelle di cibo saranno vuote, i prezzi dei prodotti rimanenti saliranno alle stelle. E non si potrà più fare affidamento su altri componenti della nostra dieta quotidiana.

Poiché alcune piante scompariranno, anche per il bestiame diminuirà il cibo, il che significa addio latte, formaggio, yogurt e, in definitiva, carne di manzo. In generale, qualunque cosa si possa dire, un mondo senza api non sarà in grado di permettersi l’attuale popolazione di persone.

ape morta

ALTERNATIVE

Contemporaneamente alla ricerca di una soluzione per fermare l’aumento della mortalità delle api, gli scienziati stanno cercando il loro sostituto. Il primo candidato è un calabrone, impollina anche piante e raccoglie miele, ma in quantità microscopiche. Per confronto, dopo la raccolta del miele, sono stati pompati 34 kg di miele da due colonie di api e il miele di calabrone è stato trasferito utilizzando una pipetta (48 g).

Ma, come impollinatore, il calabrone da tempo si è dimostrato efficace. I bombi sono ancora più laboriosi delle loro controparti e sono più economici da mantenere. Ma esiste lo stesso problema che hanno le api: a causa degli effetti dannosi dell’attività umana, anche loro muoiono.

calabrone

Il secondo potenziale sostituto delle api sono gli esseri umani. Gli autori dello studio “Un mondo senza api” Benjamin Alison e Brian McCollum immergono il lettore in un mondo in cui le persone hanno imparato a vivere senza fiori per il miele. Questa non è la Terra del 2070, ma la moderna provincia del Sichuan, in Cina. Lì le api sono morte vent’anni fa, a causa dei pesticidi già citati. Tuttavia, la regione rimane il maggiore esportatore di pere, che nel mondo vengono impollinate dalle api e qui dalle persone. I lavoratori impollinano manualmente i fiori. Scomodo, costoso, ma funziona.

Un altro candidato è un’ape robotica. Gli ingegneri di Harvard stanno attualmente sviluppando il nuovo assistente, secondo il Guardian. I modelli sperimentali sono già stati inventati. I robot con le loro ali seguono i movimenti dell’ape e quindi impollinano le piante. Secondo gli scienziati, questo progetto sarà presto implementato.

ape robotica

Eppure, il mondo ha bisogno delle api. Sono creature così antiche che fa persino paura immaginare quanto siano più vecchie e più sagge degli umani. Gli scienziati ritengono che siano apparse circa 120 milioni di anni fa, insieme alle prime piante da fiore. In Birmania è stata trovata un’ape che ha 100 milioni di anni! E circa 65 milioni di anni fa, la natura cancellò per sempre i dinosauri dal “libro della vita”, ma le api sopravvissero! E speriamo che noi – umani – non contribuiremo alla fine di questi lavoratori alati, dopo milioni di anni di esistenza!

ape preistorica