Spazzatura o arte? Cos’è la Trash Art?

spazzatura creativa

Uno dei problemi seri e pressanti esistenti nel mondo è l’inquinamento ambientale globale, ecco quindi che i rappresentanti consapevoli dell’arte non si sono fatti da parte.

Trash Art (spazzatura+ arte) è una forma d’arte contemporanea in cui i rifiuti industriali, parti di meccanismi rotti e altri rifiuti domestici vengono utilizzati per creare oggetti d’arte. Oggi ha acquisito la massima rilevanza ed è uno dei metodi più diffusi di “lotta” creativa contro l’inquinamento ambientale.

La storia di questa tendenza nell’arte inizia nel 1918, quando il tedesco Kurt Schwitters di Hannover iniziò a sperimentare nel campo dell’arte astratta, attaccando involucri di sigarette, ritagli di biglietti e altri ritagli di carta con il testo sulla superficie, sostituendo le normali vernici. Quindi può essere definito il fondatore di questo stile.

La scultrice Aurora Robson crea capolavori dagli scarti. I suoi oggetti d’arte riqualificano  la plastica in arte prima che essa venga avviata al riciclaggio. Mentre il suo lavoro iniziale era con le comuni plastiche domestiche come bottiglie d’acqua e tappi, si è poi concentrata su sculture di grandi dimensioni realizzate con plastica industriale. Dipinge e crea anche collage tridimensionali realizzati con posta indesiderata e imballaggi in eccesso.

Marina Debris prende come base i rifiuti sulla spiaggia e ne crea abiti, decorazioni e gioielli. Promuove con successo il concetto di “Trashion” (Trash + Fashion).

marina debris arte

Sculture di Henrique Oliveira

Henrique Oliveira è un artista brasiliano che raccoglie pezzi di alberi abbattuti e da essi crea veri e propri capolavori. Il risultato sono opere dinamiche che ricordano un dipinto. Oliveira cerca di dare una seconda vita agli alberi, mostrando contemporaneamente la loro estetica e invocando la conservazione del mondo.

Sculture di Henrique Oliveira

L’artista coreana Choi So Young crea paesaggi urbani da vecchi jeans trovati nei negozi dell’usato. Ogni bottone, cucitura, tasca, passante per cintura ha il suo posto per rappresentare un particolare dettaglio: diventano una strada, una finestra o un edificio. Molto spesso Choi So Young “disegna” la sua nativa città Busan – la più grande città portuale della Corea del Sud. All’età di vent’anni, quest’artista ha guadagnato una notevole popolarità: uno dei suoi collage è stato venduto da Christie’s a Hong Kong per diverse centinaia di migliaia di dollari.

Mostro di plastica

La Surfrider Foundation USA,  fondazione dedicata alla protezione degli oceani e delle spiagge ha assunto il famoso fotografo di moda britannico e ritrattista John Rankin Waddell per catturare da tutte le angolazioni un mostro che ambientalisti e surfisti hanno realizzato con la plastica raccolta dall’oceano. Bene, si è rivelato molto affascinante e allo stesso tempo inquietante e triste.

Tuttavia, non tutti sono in grado di comprendere l’alta “arte di spazzatura”, quindi a volte si verificano casi curiosi.

Nel 2001, un’opera di uno degli artisti più costosi del nostro tempo, Damien Hirst, fatta di mozziconi di sigarette e lattine di birra, è stata gettata per errore nella spazzatura da un pulitore di gallerie.

E l’artista svizzera Carol May ha perso una delle sue opere in una fiera d’arte a Hong Kong. Questa è un’installazione chiamata Unhappy Meal, che ricorda un Happy Meal, un box  di cibo e giocattoli della catena di fast food McDonald’s. La donna delle pulizie non riusciva a capire la differenza tra un oggetto d’arte e una scatola di cartone vuota di un fast food e gettò il lavoro di May nella spazzatura. E quando si rese conto di essersi sbagliata, “Unhappy Meal” era già seriamente danneggiato. Triste…

Tuttavia, non perdiamoci d’animo! C’è una quantità inimmaginabile di spazzatura intorno a noi e ogni persona dotata di immaginazione e talento può sempre creare il proprio capolavoro e contribuire alla protezione dell’ambiente!